Atto Costitutivo
 

ATTO COSTITUTIVO

ASSOCIAZIONE CO.NA.S.P. - ODV

“Coordinamento Nazionale per la promozione culturale del Servizio Sociale d’Urgenza e del Pronto Intervento Sociale”

 

 

Il giorno 13 del mese di Maggio dell'anno 2021 in Venezia, Via Corso del Popolo 46-30172 Venezia, alle ore 10.00 am, si sono riuniti i seguenti signori:

 

  1. ADDESSI ELENA, nata a FORMIA il 10/11/1977 C.F DDSLNE77S50D708I, C.I. n.CA65362CH;

  2. CAPO ENRICO, nato a ROMA il 30/10/1929  C.F CPANCR29R30H501M, C.I. n. AS0387379;

  3. DI MATTEO MARIA ASSUNTA nata a AVEZZANO (AQ) il 08/11/1964 C.F DMTMSS64S48A515A, C.I. n. AT0811735;

  4. MAPELLI YLENIA, nata a ERICE (TP) il 09/08/1991  C.F MPLYLN91M49D423I, C.I. n. AX9574457;

  5. MONTIN MADDALENA, nata a VENEZIA il 11/09/1978 C.F MNTMDL78P51L736Y, C.I. n. AY5214366;

  6. PANIZZI FURIO, nato a ROMA il 14/03/2021  C.F PNZFRU69C14H501B, C.I. n. AV3082423;

  7. SCATENA STEFANO, nato a ROMA il 20/07/1967  C.F SCTSFN67L20H501R, C.I. n. CA33674GS.

 

I comparenti di comune accordo, dopo ampia ed approfondita discussione, stipulano e convengono quanto segue:

 

Articolo 1

E’ costituita l’associazione di volontariato denominata “Coordinamento Nazionale per la promozione culturale del Servizio Sociale d’Urgenza e del Pronto Intervento Sociale, da ora in poi denominato CO.NA.S.P. - ODV, qui di seguito detta “Associazione”, ai sensi degli artt. 32 e segg. del Decreto Legislativo n. 117 del 2017 (Codice del Terzo Settore), la cui disciplina è indicata nello Statuto allegato sotto la lettera A, che costituisce parte integrante del presente atto. L’Associazione, in virtù dell’iscrizione nell’apposito Registro, adotta la qualifica di ODV e utilizza tale acronimo inserendolo negli atti, nella corrispondenza e in ogni comunicazione e manifestazione esterna della medesima.

 

Articolo 2

L’Associazione ha sede nel Comune di Venezia, Corso del Popolo 46 – Cap. 30172.

 

Articolo 3

L’Associazione non ha scopi di lucro e si prefigge di effettuare uno studio sul Servizio Sociale d’urgenza e di Emergenza, al fine di fornire, definendolo, alla intera Comunità Professionale, alla società tutta ed al panorama del variegato mondo delle politiche sociali, dei Servizi Sociali Professionali e dei servizi inquadrati tra Livelli Essenziali di Assistenza Sociale (LIVEAS), una metodologia di riferimento ed un modello teorico unitario di Pronto Intervento Sociale esportabile e ripetibile su tutto il territorio nazionale, nel pieno rispetto delle specifiche realtà ed autonomie locali. L’Associazione potrà anche avviare specifici progetti di Pronto Intervento Sociale, finalizzati alla realizzazione di unità operative territoriali che si occupino di Servizio Sociale d’Urgenza e di Emergenza, utilizzando ove possibile quei beni pubblici inutilizzati o confiscati alla criminalità organizzata disponibili e idonei allo scopo. L’Associazione potrà quindi collaborare anche con le Istituzioni preposte alla gestione delle emergenze sociali e/o territoriali, comprese quelle derivanti dalle grandi calamità naturali. Lo spirito e la prassi dell’Associazione si conformano ai principi della Costituzione Italiana e si fondano sul pieno rispetto della dimensione umana, spirituale e culturale della persona. L’Associazione è apartitica e si atterrà ai seguenti principi: assenza di fine di lucro, democraticità della struttura, gratuità delle prestazioni dei volontari associati, elettività e gratuità delle cariche sociali. Per il perseguimento delle finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale l’Associazione svolge, prevalentemente in favore di terzi, avvalendosi in modo prevalente delle prestazioni dei volontari associati, le seguenti attività di interesse generale di cui all’art. 5 comma 1 del Decreto Legislativo n. 117 del 2017:

  1. interventi e servizi sociali ai sensi dell'articolo 1, commi 1 e 2, della legge 8 novembre 2000, n. 328, e successive modificazioni, e interventi, servizi e prestazioni di cui alla legge 5 febbraio 1992, n. 104, e alla legge 22 giugno 2016, n. 112, e successive modificazioni;

  2. educazione, istruzione e formazione professionale, ai sensi della legge 28 marzo 2003, n. 53, e successive modificazioni, nonché le attività culturali di interesse sociale con finalità educativa;

  3. formazione universitaria e post-universitaria;

  4. ricerca scientifica di particolare interesse sociale;

  5. organizzazione e gestione di attività culturali, artistiche o ricreative di interesse sociale, incluse attività, anche editoriali, di promozione e diffusione della cultura e della pratica del volontariato e delle attività di interesse generale di cui al presente articolo;

  6. promozione della cultura della legalità, della pace tra i popoli, della nonviolenza e della difesa non armata;

  7. riqualificazione di beni pubblici inutilizzati o di beni confiscati alla criminalità organizzata.

L’Associazione persegue tali attività di interesse generale mediante:

  1. La promozione di politiche sociali attive che sostengano ed implementino il sistema integrato di interventi e servizi sociali territoriali attraverso la progettazione organizzazione e gestione di servizi per l’urgenza e l’emergenza sociale.

  2. la promozione della solidarietà sociale, con la valorizzazione delle iniziative delle persone, dei nuclei familiari, delle forme di auto-aiuto e di reciprocità e della solidarietà organizzata.

  3. La promozione di attività di formazione rivolta ad Enti pubblici e/o privati, appartenenti al circuito nazionale e locale dei Servizi Sociali, della formazione specifica, del Terzo Settore e del No Profit;

  4. La promozione di attività culturali a sostegno della integrazione sociale e culturale delle persone svantaggiate, senza distinzioni di sesso, nazionalità e credo religioso.

  5. La promozione dello studio, della ricerca e della discussione intorno al nuovo approccio disciplinare del lavoro di Servizio Sociale d’Urgenza;

  6. La promozione dello studio e progettazione di un modello organizzativo di Pronto Intervento Sociale P.I.S., omogeneo e standardizzabile a livello nazionale;

  7. La promozione, attraverso l’elaborazione di una didattica specifica, di percorsi formativi di qualsiasi ordine e grado relativi alla disciplina del Servizio Sociale d’Urgenza;

  8. L’ideazione e promozione di progetti di ricerca sociale, che definiscano le problematiche emergenti trattate dal Servizio Sociale d’Urgenza e relativi al P.I.S., con la finalità di creare una specifica e dettagliata letteratura scientifica e professionale della materia trattata e un suo costante aggiornamento;

  9. Ideazione e promozione di specifici progetti di Pronto Intervento Sociale, finalizzati alla realizzazione di unità operative territoriali che si occupino di Servizio Sociale d’Urgenza e di Emergenza, utilizzando ove possibile quei beni pubblici inutilizzati o confiscati alla criminalità organizzata disponibili e idonei allo scopo;

  10. La promozione di un osservatorio nazionale permanente sulle politiche sociali emergenziali e sui P.I.S.

Per la realizzazione di tali finalità l’Associazione potrà svolgere:

  1. Potrà svolgere, a norma dell’art. 6 del Codice del terzo Settore, attività diverse da quelle di interesse generale sopra indicate purché secondarie e strumentali rispetto a queste ultime secondo criteri e limiti definiti con apposito Decreto ministeriale. Tali attività sono individuate con apposita delibera dell’Assemblea.

  2. L’Associazione può esercitare anche attività di raccolta fondi - attraverso la richiesta a terzi di donazioni, lasciti e contributi di natura non corrispettiva - al fine di finanziare le proprie attività di interesse generale e nel rispetto dei principi di verità, trasparenza e correttezza nei rapporti con i sostenitori e con il pubblico.

  3. L’Associazione svolge inoltre attività di sensibilizzazione ed informazione del pubblico sui temi attinenti alle proprie finalità, si avvale di ogni strumento utile al raggiungimento degli scopi sociali ed in particolare della collaborazione con gli Enti Pubblici e privati, anche attraverso la stipula di apposite convenzioni, ovvero con altri enti aventi scopi analoghi o connessi con i propri.

 

Articolo 4

L’Associazione avrà come principi fondamentali la Costituzione Italiana, la legislazione vigente e lo Statuto sociale che ribadisce: l’assenza di fini di lucro, il perseguimento di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, la libera e volontaria adesione all’Associazione, che avviene con domanda dell’interessato al Consiglio Direttivo il quale delibera secondo criteri non discriminatori, coerenti con le finalità perseguite e le attività di interesse generale svolte. In caso di comunicazione di diniego motivato, è previsto il ricorso all’Assemblea. Il funzionamento dell’Associazione è basato sulla volontà democratica espressa dagli Associati, i quali hanno tutti pari diritti ed obblighi, la gratuità delle prestazioni dei volontari, l’elettività e la gratuità delle cariche sociali.

 

Articolo 5

L’Associazione ha durata illimitata. In caso di scioglimento o estinzione dell’Associazione, tutte le risorse economiche che residuano dopo l’esaurimento della liquidazione non potranno essere divise tra gli associati, ma saranno devolute ad altra organizzazione di volontariato che svolga stesse o analoghe attività d’interesse generale, previo parere positivo dell’Ufficio di cui all’art. 45 comma 1 del D. Lgs. n. 117/2017 allorquando istituito.

 

Articolo 6

I comparenti stabiliscono che, per il primo mandato triennale, il Consiglio Direttivo sia composto da n. 3 membri e nominano a farne parte i signori ai quali contestualmente attribuiscono le cariche:

 

  • Presidente Maddalena MONTIN

  • Vicepresidente Stefano SCATENA

  • Consigliere/Segretario Elena ADDESSI

Articolo 7

I nominati del Consiglio Direttivo, così come riportati nel precedente art. 6, si riservano di nominare il primo Presidente Onorario della Associazione “CO.NA.S.P. ODV”, con le modalità stabilite nello Statuto. Le attribuzioni proprie del Presidente Onorario sono parte integrante dello Statuto della Associazione “CO.NA.S.P., che ne definisce competenze e durata dell’incarico.

 

Articolo 8

Tutti i neonominati presenti alla riunione dichiarano che non esistono elementi di incompatibilità e di accettare le rispettive cariche.

Articolo 9

Gli eletti costituiscono così, sempre in applicazione dello Statuto dell’Associazione, il Consiglio Direttivo, suscettibile di modifiche o di integrazioni in successive ed apposite assemblee dei Soci.

 

 

Articolo 10

L’Assemblea delibera di conferire al Presidente il potere di apportare tutte le eventuali modifiche al presente Statuto richieste in sede di registrazione.

 

Articolo 11

Le spese del presente atto, annesse e dipendenti, si convengono ad esclusivo carico dell’Associazione qui costituita. La registrazione è richiesta in esenzione dell’imposta di bollo e di registro ai sensi dell'articolo 82, comma 3 e 5 del D. Lgs n. 117/2017.

 

Letto, approvato e sottoscritto da ciascun aderente sopra indicato nell’ordine:

 

  1. ADDESSI ELENA

  2. CAPO ENRICO

  3. DI MATTEO MARIA ASSUNTA

  4. MAPELLI YLENIA

  5. MONTIN MADDALENA

  6. PANIZZI FURIO

  7. SCATENA STEFANO